Lo zurek (o “il” o “la” zurek, correttamente scritto żurek) è uno dei piatti tipici della cucina polacca. Chi è in vacanza a Cracovia o Varsavia sicuramente sarà folgorato dai pierogi, i tipici ravioli serviti in ogni declinazione. Ma bisogna ricordare che la cucina polacca è in realtà una cucina che fa fronte al duro lavoro e al clima rigido, dove abbondano carboidrati e cereali. Quindi stufati, zuppe e brodi sono sicuramente una esperienza “più autentica” dei ravioli.

A questo bisogna aggiungere che storicamente la Polonia ha guardato e si è lasciata contaminare più da oriente che da occidente, e questo si ripercuote notevolmente sulla tradizione gastronomica del Paese. Chiude il cerchio tutto ciò che si può trovare nei boschi. Funghi e selvaggina (cervo, coniglio, cinghiale) abbondano.

Lo/il/la zurek è una perfetta sintesi di quello che finora abbiamo scritto. Non lasciatevi fuorviare dall’aspetto non proprio da cucina gourmet: la troverete servita calda solitamente in un cestino di pane.

Come è fatto lo zurek

Lo zurek altro non è che una zuppa ottenuta con farina di segale fermentata, dalle note acide, patate, rapa e cipolle. Viene arricchita da carne (solitamente salsicce polacche) e solitamente uova sode. Non è raro che venga servita anche con funghi; del resto, è uno di quei piatti che a seconda della zona in cui viene preparato assume connotati e tradizioni diverse.

zurek di Zapiecek, Varsavia
Uno zurek servito da Zapiecek, nei pressi del Barbacane di Varsavia

Lo zurek è il piatto tipico pasquale dei polacchi, ma è chiaramente servito tutto l’anno, specialmente nelle località turistiche.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *